Questo sito utilizza cookie di profilazione di altri siti per inviarti messaggi pubblicità in linea con le tue preferenze. Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito accetti l'uso dei cookie e il trattamento dei dati secondo il GDPR. 

Tecnica fotografica

Luce

La luce è una radiazione elettromagnetica ed attraverso essa noi possiamo vedere le cose, le loro forme e i loro colori, valutarne la distanza e la dimensione. Essa ha la stessa natura delle onde radio, delle microonde, dei raggi X e differisce da queste cose solo per la lunghezza d'onda (o per la frequenza). La luce è caratterizzata da intensità, da cui dipende la luminosità, e dalla lunghezza d'onda (o frequenza), da cui dipende il colore. La luce, si propaga in linea retta nel vuoto e nei materiali trasparenti. Il cammino rettilineo di un raggio di luce può essere deviato, e ciò a causa di fenomeni fisicicome ad esempio la riflessioneche si ha ogni qual volta la luce incontra un materiale su cui rimbalza, e la rifrazioneche si ha ogni qual volta la luce passa da un mezzo trasparente ad un altro mezzo trasparente.
Si considerano due tipi fondamentali di riflessione: quella su una superficie ruvida o opaca e quella su una superficie perfettamente levigata o lucida. Con la riflessione su una superficie opaca noi osserviamo che il raggio incidente, dopo avere incontrato la superficie opaca, viene rimbalzato in tutte le direzioni. E' per questo motivo che, anche stando all'ombra, possiamo essere illuminati. Infatti la luce, pur non potendo raggiungerci con un cammino diretto dalla sua fonte, ci raggiunge indirettamente dopo essere stata rimbalzata dalla superficie degli oggetti.
Il fenomeno della riflessione sulle superfici non lucide è utilizzato spesso dal fotografo per fornire una illuminazione morbida, ovverosia capace di creare delle ombre che non siano troppo nette e dei contrasti attenuati. A volte questa luce risulta migliore di quella diretta che dà ombre dure e contrasti violenti fra zone troppo chiare e zone troppo scure. Con la riflessione su una superficie lucida osserviamo che il raggio incidente, dopo avere incontrato la superficie opaca, viene rimbalzato in una sola ben precisa direzione.