Questo sito utilizza cookie di profilazione di altri siti per inviarti messaggi pubblicità in linea con le tue preferenze. Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito accetti l'uso dei cookie e il trattamento dei dati secondo il GDPR. 

Zaragoza

Cattedrale del Pilar Cattedrale del Pilar Cattedrale del Pilar Cattedrale del Pilar Cattedrale del Pilar Cattedrale del Pilar Cattedrale del Pilar Cattedrale del Pilar Cattedrale del Pilar Cattedrale del Pilar

Bella e solare città della Spagna Nord orientale, è il capoluogo dell'Aragona ed è situata sulla destra del fiume Ebro; economicamente produttiva è sede di industrie metalmeccaniche, tessili, chimiche, manifatturiere ed alimentari e possiede una università molto rinomata, soprattutto per la facoltà di medicina. Questa città non è stata ancora del tutto scoperta dal turismo di massa anche se presenta un centro storico ricco palazzi, chiese, piazze. Ha infatti una storia molto antica che si riflette sui monumenti del suo centro storico. Fondata dai romani nel 24 A.C. sull'insediamento originario degli iberici, venne chiamata Caesaraugusta. Le mura romane, erette nel III secolo presentano alcuni tratti ben conservati, come quelli accanto alla Torre di Zuda e alla chiesa Iglesia de la Magdalena, lungo il fiume Ebro. Nel 452, fu occupata dagli Svevi e poi dai Visigoti intorno al 466; verso il 714 gli Arabi la chiamarono Saraqustah da cui Zaragoza.
Nei secoli X-XI, la città fu il centro di un'importante dinastia moresca, quella di Beni Kasim, di cui offre testimonianza il Palazzo Aljferìa, dell'XI secolo con accanto una splendida e minuscola moschea. Questo splendido palazzo reale è una delle poche costruzioni rimanenti dei Mori. La moschea col suo minareto e la Torre del Trovador, una torre fortificata fanno parte dell'antica costruzione. Altre parti vennero aggiunte nell'era cristiana. Passato sotto il governo degli Almoravidi, la città fu conquistata dopo quattro anni di guerra nel 1118 da Alfonso I d'Aragona che la fece ampliare e la rese una provincia libera e fiorente.
Insorse poi contro Filippo II, e successivamente venne privata di molte delle sue libertà. Durante la guerra d'indipendenza, capitolò dopo due mesi a causa dell'assedio dei Francesi. Uno dei luoghi più magici della città è senz'altro la Basílica de Nuestra Señora del Pilar, del 1681 che si affaccia scenograficamente sul fiume Ebro; è una delle mete più amate dai pellegrini di tutto il mondo. Presenta un impianto barocco ed è circondata da 4 torri che la caratterizzano visivamente; La facciata invece è neoclassica. In onore della patrona di Saragoza a ottobre si celebra la Fiesta del Pilar, che mostra i costumi folcloristici della regione dell'Aragona e attrae moltissimi turisti. La Basílica del Pilar si dice sia il primo santuario mariano del mondo, dove la Vergine é apparsa a Santiago Apostolo per confortarlo nella predicazione del vangelo.
Altre emergenze architettoniche della città sono: la Catedral de la Seo, in stile gotico-mudejar con innesti neoclassici, barocchi ed in stile plateresque, che fu costruita nel XIV secolo ha al suo interno l'altare principale con splendidi rilievi; è praticamente la seconda Cattedrale di Saragozza. La Lonja, vecchio mercato della città, è un grande monumento rinascimentale del 1541 ed è usato oggi come palazzo delle esposizioni. Il mercato centrale della città a Plaza de Lanuza - Mercado de Lanuza- è un importante esempio di architettura moderna.

Paola Campanella