Questo sito utilizza cookie di profilazione di altri siti per inviarti messaggi pubblicità in linea con le tue preferenze. Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito accetti l'uso dei cookie e il trattamento dei dati secondo il GDPR. 

Bilbao

Il Paese Basco, è situato a Nord della Spagna ed è costituito da 3 province, Vizcaya -la Buscaglia- con capoluogo Bilbao, Guipúzcoa con capitale San Sebastián, ed infine Alava, con capitale Vitoria Gasteiz. Il paesaggio dei paesi baschi è molto ricco di vegetazione e s distingue da quello del resto della Spagna. Bilbao è nei Paesi Baschi, affacciata sul mar Cantabrico e posta al centro del golfo omonimo, Si trova sulle sponde del fiume Nevriòn, che attraversa il territorio urbano, ed è popolata da più di 1.000.000 di abitanti. (Molti dei quali sono veramente rigorosamente muniti del tradizionale copricapo). La città si divide in tre parti: il centro storico; una parte più recente e una parte nuovissima attualmente in fase di sviluppo dove si concentreranno alcuni prestigiosi interventi urbanistici e architettonici. Fino a pochi anni fa le attività minerarie, industriali e portuarie erano il prevalente volano economico della città. BilbaoOggi grazie agli interventi di riqualificazione urbana che hanno ripristinato il rapporto tra la città ed il corso d'acqua, si punta anche ad un recupero della qualità della vita urbana, con la chiusura di alcune grandi industrie, e il riordinamento della rete ferroviaria.
Adesso molte zone prima destinate solamente ad ospitare le industrie si stanno lentamente convertendo in accoglienti spazi pubblici. Nel 2004 Bilbao ha partecipato alla mostra “Città d'acqua” - promossa nell'ambito della nona edizione della Biennale di Architettura di Venezia, dedicata ai progetti di recupero urbanistico realizzati in aree marittime e fluviali – ed ha ottenuto il riconoscimento speciale come migliore progetto di valorizzazione delle rive del Nerviòn, e riqualificazione di molte aree degradate, prossime al centro urbano. La città, grazie anche alla presenza di una architettura di enorme rilievo sul piano internazionale, come il Museo Guggenheim, si avvale oggi infatti di un apporto economico derivato dall'afflusso turistico. Inoltre già si presenta con delle condizioni favorevoli di partenza: un clima temperato e rinfrescato dalle correnti dell'Atlantico e dei dintorno splendidi. La moneta utilizzata è l'Euro. La lingua è lo spagnolo, anche se parte della popolazione parla l'euskera, cioè il basco.

Un po' di storia

Ancora ignoti sono i precisi riferimenti cronologici delle origini della città. Alcuni resti archeologici hanno evidenziato l'esistenza di un villaggio stanziato nelle sponde del Nervion, i cui abitanti erano dediti alla pesca, ed all'estrazione e lavorazione del ferro. La Storia di Bilbao inizia nel Medioevo quando sorge come nucleo dedicato al commercio.
Quell'assestamento marinaio e mercantile acquistò la qualità di villaggio quando, Don Diego López de Haro V, Signore di Bizkaia, concesse la Carta Puebla Fundacional a tale nucleo, nel 1300 a Valladolid. Oggi è un importante centro industriale e marittimo; nell'intera area urbana si stima una popolazione di circa 935.000 persone che la pone al quinto posto tra le più grandi aree urbane della Spagna. Oltre al Guggenheim, da vedere il museo delle di Belle Arti o il Museo Marittimo, la basilica di Begoña, e San Mames. La città ha recentemente conosciuto un rinnovamento urbanistico incentrato attorno al nuovo sistema di metropolitana progettato da Sir Norman Foster. Anche il porto, è stato spostato ed espanso sul Golfo di Biscaglia, lasciando così degli ampi spazi lungo il fiume che  sono stati utilizzati per ospitare la maggior parte delle costruzioni di nuova concezione. È in programma un ampliamento su entrambe le rive del fiume; lo spazio per il passeggio sarà ampio dai 40 ai 120 metri, per una superficie complessiva di 48mila metri quadrati. La gastronomia locale è molto nota. Il pesce è uno degli ingredienti fondamentali specie il merluzzo in salsa verde, alla "koskera", alla "ondarresa" o fritto. Molto apprezzato anche il baccalà al pil-pil o all'aglio "arriero" e il tonno alla "laqueitia", fritto o con pomodoro.
Altri piatti noti regionali sono: la "porrusalda", una zuppa a base di porri, e il "Manmitako", una combinazione di aglio, olio, cipolle, peperoni, pomodori e patate, il txanguro, la granseola sbriciolata, il bollito con verdure, pomodoro, vino e brandy, e i famosissimi "pintxos", che consistono in assaggi dei piatti più diversi che si possono gustare nel centro storico o anche in un qualsiasi ristorante della città. Nella città è presente un aeroporto internazionale, a circa 15 km dal centro della città.

Paola Campanella