Questo sito utilizza cookie di profilazione di altri siti per inviarti messaggi pubblicità in linea con le tue preferenze. Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito accetti l'uso dei cookie e il trattamento dei dati secondo il GDPR. 

Tecnica fotografica

Diaframma

Il diaframma è un dispositivo situato nell'obiettivo, costituito da 4, 5 o 6 lamelle che, spostandosi, creano un foro di diametro variabile. Esso, come il foro della pupilla umana, può allargarsi o restringersi. Ciò affinché la quantità di luce che colpisce la pellicola sia sempre quella adeguata ad impressionarla nel modo giusto. Ovverosia in modo che non troppa luce colpisca la pellicola quando si fotografano soggetti molto luminosi (in questo caso si avrebbe sovraesposizione cioè una fotografia troppo chiara) e, viceversa, affinché non troppo poca luce colpisca la pellicola quando si fotografano soggetti oscuri (in questo caso si avrebbe sottoesposizione cioè una fotografia troppo scura). In pratica il diaframma è l'iride della macchina fotografica.
Per regolare l'apertura del diaframma c'è una apposita ghiera sull'obiettivo nella quale sono segnati dei numeri: 32 - 22 - 16 - 11 - 8 - 5.6 - 4 - 2.8 - 2 - 1.4, i quali sono indicati con la lettera "f" (esempio: f/8, f/22, ecc...). i numeri grandi si riferiscono a diaframmi piccoli (un forellino stretto), mentre i numeri piccoli si riferiscono a diaframmi grandi (un forellino più grande). I numeri f, cioè 32, 22, 16, 11, ecc..., rappresentano quante volte il diametro del forellino sta nella lunghezza focale dell'obiettivo. Ovviamente, se ci sta tante volte vuol dire che il diametro è piccolo (ed ecco perché i numeri grandi si riferiscono a diaframmi piccoli), mentre se ci sta poche volte vuol dire che il diametro è grande (ed ecco perché i numeri piccoli si riferiscono a diaframmi grandi). Un valore medio è f8, che è il diaframma più usato in condizioni normali. I valori f/11 e f/16 sono diaframmi chiusi, adatti per ambienti luminosi. I valori f/22 e f/32 sono diaframmi molto chiusi, adatti ad ambienti luminosissimi. I valori f/4 e f/5.6 sono diaframmi aperti, adatti per ambienti in penombra. I valori f/1.4, f/2 e f/2.8 sono diaframmi molto aperti, adatti per ambienti oscuri.