Questo sito utilizza cookie di profilazione di altri siti per inviarti messaggi pubblicità in linea con le tue preferenze. Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito accetti l'uso dei cookie e il trattamento dei dati secondo il GDPR. 

Si parla di ... Arte

La sua percezione

Uno degli elementi che rende misterioso il sorriso della Gioconda è la impossibilità di coglierne una espressione definita. Tale concetto è stato ripreso da più di uno studioso di storia dell'arte, ma l'ipotesi originale è di Gombrich, il quale si avvede della ragione per cui l'espressione è indefinibile. Si tratta dell'applicazione della tecnica dello sfumato che attenua i contorni agli angoli degli occhi e della bocca, rendendo l'espressione della Gioconda enigmatica. Questa cosa ci costringe a guardarla e tentare di interpretarla sempre con nuovo interesse. Gli occhi della Gioconda inoltre sembrano quasi seguirci quando ci spostiamo, questo la rende vibrante, come dotata di vita propria e il colore caldo e la morbida atmosfera che pervade la superficie del dipinto si estende magicamente dentro noi che la osserviamo, cosicché il guardarla diventa un percepirla, e ne siamo attratti con gli occhi del cuore e con quelli della mente.

Paola Campanella