Questo sito utilizza cookie di profilazione di altri siti per inviarti messaggi pubblicità in linea con le tue preferenze. Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. 

Giuseppe Leone

Vive e lavora a Ragusa dove è nato. Ha dato un notevole tributo attraverso le immagini da lui realizzate alla vera natura del paesaggio siciliano. Tra le pubblicazioni più note spicca "L'Isola Nuda" del 1988, con testo introduttivo di Gesualdo Bufalino edito da Bompiani. In questo volume sono raccolte numerose immagini del paesaggio della Sicilia, esposto nella verità di paesaggio nudo, con i contrasti della terra scura contro le note chiare e brillanti delle coltivazioni di grano. Immagini a volte volutamente sgranate, in bianco e nero, che traducono il senso di calore soffocante delle campagne, che traducono in sensazione la solitudine di un albero che solo su staglia in uno sfondo fatto di brani di campagne. Altre raccolte sono: "Il Barocco in Sicilia" e "Sicilia Teatro del Mondo" con testi di Vincenzo Consolo del 1991; "L'Isola dei Siciliani" con testi di Diego Mormorio del 1995 per citarne alcune.

Paola Campanella