Questo sito utilizza cookie di profilazione di altri siti per inviarti messaggi pubblicità in linea con le tue preferenze. Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. 

Si parla di ... Fotografia

Angelo d'agostino - Africa - CIAD

logo

CIAD

Angelo D'Agostino - Gennaio 2005

Ciad Ciad Ciad Ciad Ciad Ciad Ciad
Ciad Ciad Ciad Ciad Ciad Ciad Ciad
Ciad

C'è un posto nel mondo dove trovi occhi, sorrisi, silenzi e colori.
Ed incontri uomini mentre incontri te stesso.
Un posto che è simile a molti altri, ma che è unico.
Dove la gente vive, nonostante tutte le difficoltà insieme alla natura
spietata e meravigliosa, arida ma generosa.
Questo posto si chiama CIAD.
Qui, i colori ti circondano ricordandoti quelli che esistono dentro ognuno di noi.
Qui i sorrisi sono sinceri, mai di circostanza,
ed occhi ti chiedono semplicemente una mano d'aiuto per dare essenza di realtà ai loro sogni,
sogni semplici in cui esistono condizioni di vita più favorevoli alla permanenza della gente;
sogni in cui cose fondamentali come l'acqua, le coltivazioni, le scuole e le strutture ospedaliere
non siano più considerati delle conquiste.
Qui, mani si tendono per dare questi aiuti,
e questi aiuti spesso hanno i volti di giovani volontari
che affiancandosi ad organizzazioni non governative
decidono di donare il loro tempo, la loro qualificazione
e tutto il loro impegno per far sì che quei sogni diventino diritti.
Aiuti concreti, che partono da studi specifici delle vere opportunità di sviluppo
di paesi difficili come questo e che si chiamano progetti
per uno sviluppo compatibile dei suoli,
per uno sviluppo economico che dia alla gente la
possibilità di restare nelle terre in cui sono nati,
coltivandole e utilizzandole senza stravolgerne la natura
quella natura che qui più che altrove si mantiene ancora intatta
e limpida come gli sguardi dei suoi bambini.
Questi sguardi ha saputo cogliere Angelo D'Agostino
nelle immagini che presentiamo nella sezione reportage del sito fotoartearchitettura
nella speranza di suscitare in chi le vede sentimenti di sempre maggiore rispetto e fratellanza
nei confronti di popolazioni come quelle del CIAD.

Testo di P.Campanella - Gennaio 2005