Questo sito utilizza cookie di profilazione di altri siti per inviarti messaggi pubblicità in linea con le tue preferenze. Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito accetti l'uso dei cookie e il trattamento dei dati secondo il GDPR. 

Secondi piatti

Calamari fritti (Fritto misto)

Per preparare uno dei piatti di pesce più appetitosi non occorre una grande perizia, ma solo del pesce veramente fresco e di ottima qualità. Una volta procurato – in Sicilia occorre che i gamberi siano rigorosamente rossi- pulite e sgusciate i gamberi eliminandone la testa, o lasciandola, in relazione al gradimento degli ospiti. (Infatti in molte località siciliane, si gradisce molto anche l'interno della testa). Lavare e pulire l'interno dei calamari, avendo cura di estrarre la spina dorsale, sflilandola dalla parte superiore vicina alla testa. Preparate in un piatto la farina adatta alla frittura del pesce. In genere è di rimacino. Passatevi i pesci, i gamberi con la buccia e i calamari tagliati ad anelli, ma solo dopo averli fatti accuratamente scolare dell'acqua in eccesso. Friggete in olio – meglio se d'oliva- ben caldo e posate la frittura sopra una carta in modo che essa possa assorbire l'olio in eccesso. Spruzzare con qualche goccia di limone e salare q.b. Servire caldi, dopo avere tolto la carta ormai piena dell'olio in eccesso.

Tempo:

Calamari fritti - fritto misto