Questo sito utilizza cookie di profilazione di altri siti per inviarti messaggi pubblicità in linea con le tue preferenze. Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito accetti l'uso dei cookie e il trattamento dei dati secondo il GDPR. 

Secondi piatti

Baccalà alla palermitana

Anticamente era in uso presso le famiglie preparare il baccalà per Natale. Una delle ricette più diffuse è quella di Palermo. Prima di tutto preparare il baccalà -800 g di filetti baccalà- che deve essere ammollato, vale a dire tenuto in acqua per almeno una notte. Gli ingredienti sono: 500 g di patate, 200 g di olive verdi, capperi, sedano, cipolla, prezzemolo, farina, un bicchiere di vino bianco, olio, sale, pepe.
Procedimento: Soffriggere in tegame la cipolla, il prezzemolo tritato e il sedano tritato. Aggiungere i filetti infarinati, rigirarli e sfumarli con il vino. Aggiungere le patate insieme ai capperi e alle olive. Aggiustate di sale e pepe e ricoprire il tutto con acqua. Lasciare cuocere per venti minuti Il baccalà in agrodolce invece prevede in aggiunta aceto di vino bianco e 2 cucchiai di zucchero. Il procedimento: preparare il baccalà -ammollarlo-. tagliarlo a pezzetti, infarinarli e friggerli in padella in abbondante olio di oliva. Nel frattempo sciogliere in un piccolo tegame lo zucchero e l'aceto, versarvi mezzo bicchiere d'acqua ed aggiungere la salsa ottenuta ai pezzi di baccalà fritto precedentemente sistemati sopra ad un piatto da portata. Servire il piatto freddo.