Questo sito utilizza cookie di profilazione di altri siti per inviarti messaggi pubblicità in linea con le tue preferenze. Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito accetti l'uso dei cookie e il trattamento dei dati secondo il GDPR. 

Il Duomo

Duomo: prospetto principale sulla omonima piazzaIl Duomo di Sciacca, dedicato a St. Maria Maddalena, fu originariamente voluto dalla contessa Giulietta, figlia di Ruggero, nel 1108. Testimonianza di questa antica origine rimane la parte absidale, ancora visibile all'esterno, contraddistinta dal disegno severo e dai conci di tufo a faccia vista. Si devono all'architetto Blasco le successive forme barocche realizzate intorno alla II metà del XVII sec. che conferiscono alla cattedrale quell'aspetto solare e ricco di decorazioni che caratterizza la facciata come oggi la conosciamo.
Nel fronte principale il Duomo è impreziosito dalle statue dedicate a St. Maria Maddalena, S. Pietro, Paolo, Giovanni e Calogero attribuibili a Giandomenico e Antonino Gagini. L'interno, a tre navate, è ampio e luminoso e ricco di elementi decorativi tra i quali spicca il grande affresco della volta della navata centrale ispirata alla vita di St. Maddalena, realizzato da T. Rossi. Uno splendido fonte battesimale marmoreo del 1495, è visibile entrando a sinistra. Sull'altare della cappella della nobile famiglia Maurici, è stata collocata nel 1506, una bellissima statua della Madonna della Catena. Tra le altre numerose opere d'arte, sempre all'interno del Duomo, è conservata la statua, attribuita agli scultori carraresi Mancino e Birrittario, della Madonna del Soccorso.
Questa statua della Madonna, patrona di Sciacca ed amatissima dai saccensi, viene condotta in processione per le vie di Sciacca due volte l'anno dando vita ad una delle manifestazioni di fede più partecipate e suggestive della Sicilia.


Veduta dell'internoLa navata principale

Paola Campanella