Questo sito utilizza cookie di profilazione di altri siti per inviarti messaggi pubblicità in linea con le tue preferenze. Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito accetti l'uso dei cookie e il trattamento dei dati secondo il GDPR. 

Chiesa di St. Margherita

Chiesa di Santa Margherita: fronte principalePosta all'ingresso della via Incisa, la Chiesa di St. Margherita ha oggi perso il suo ruolo originario per diventare uno spazio espositivo estremamente suggestivo grazie alla ricchezza decorativa del suo interno che si presenta completamente ricoperto da preziosi stucchi di O. Ferraro. La Chiesa, che si dice essere stata voluta dalla moglie di G. Peralta, Eleonora D'Aragona, nel 1342, presenta un'unica navata e sulla destra, una cappella che reca una scultura di St. Margherita del '500, attribuita agli scultori Birrittario e Mancino.
L'esterno della chiesa, che risale al 1595, si presenta come un insieme compatto dalla sobria eleganza arricchito in facciata da un ricco portale e sormontata da un cornicione munito di gocciolatoi; sul fronte laterale, rappresenta un esemplare di rara bellezza il portale marmoreo del 1468, in stile gotico-rinascimentale progettato da Laurana e scolpito da Pietro da Bontade.


Interno barocco della chiesa decorato a stucchiIl portale marmoreo di F. Laurana