Questo sito utilizza cookie di profilazione di altri siti per inviarti messaggi pubblicità in linea con le tue preferenze. Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito accetti l'uso dei cookie e il trattamento dei dati secondo il GDPR. 

Chiesa del Carmine

Scorcio prospettico della facciataLa chiesa del Carmine, caratterizzata dallo splendido rosone duecentesco che ammiriamo a Piazza Carmine, è diventata con la sua immagine particolare uno dei monumenti simbolo di Sciacca. L'ottocentesca cupola maiolicata contribuisce a donare all'edificio quell'aspetto inconfondibile che la rende unica nel suo genere.
Le origini di questa chiesa sono in realtà antichissime anche se l'aspetto che mostra è quello relativo al suo più recente rifacimento in epoca neoclassica. La sua facciata è rimasta incompiuta e per questo ci appare tronca. All'interno, a tre navate e arricchito da affreschi, sono conservate numerose opere d'arte come alcune tele di M. Blasco del 1600, una bellissima statua lignea del seicento che rappresenta san Vito e il sarcofago del nobile normanno Gilberto Perollo, importante esponente di una nota famiglia di Sciacca che contribuì non poco ai tragici eventi narrati nel "caso di Sciacca".


Rosone duecentesco

Paola Campanella