Questo sito utilizza cookie di profilazione di altri siti per inviarti messaggi pubblicità in linea con le tue preferenze. Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito accetti l'uso dei cookie e il trattamento dei dati secondo il GDPR. 

Pasticcio di natale

Per preparare il pasticcio di Natale tipico soprattutto a Noto, in provincia di Siracusa, occorrono per circa 10 persone: 500 grammi di pasta di grano tenero lievitata, 400 grammi di polpa magra di maiale per fare il ragù, pomodori, cipolla, 1/2 bicchiere di vino rosso, 400 grammi di maccheroncini, 300 grammi di cime di broccoli, 1 limone, 250 grammi di ricotta, 100 grammi di formaggio grattugiato, olio d'oliva, prezzemolo, sale e pepe. Il procedimento: Lavorare la pasta di pane con olio e succo di limone e stenderla in due dischi sottili. Riporne uno avendo cura che i bordi della pasta siano rialzati in una teglia rotonda unta d'olio. Il procedimento per il ripieno è invece il seguente: soffriggere in un tegame con olio e cipolla tritata, prezzemolo ed pezzi di polpa magra del maiale. aggiungere pomodori nettati e spezzettati per fare il ragù, mezzo bicchiere di vino sale e pepe.
Le cime dei broccoli vanno lessati e saltati in padella a parte. Si lessano e si scolano i maccheroni che vanno successivamente conditi con il sugo, avendo precedentemente tritato la polpa di maiale cotta. Adagiare i maccheroncini ed il resto dell'impasto nel disco di pasta posto come base nella teglia e su essi vanno riposti le cime dei broccoli soffritte, la ricotta e il formaggio grattugiato. Al ripieno così ottenuto va aggiunto sale, pepe e olio ed poi va ricoperto con il secondo disco di pasta.
Si devono far combaciare i bordi delle due sfoglie e bucherellare quella superiore dopo averla umettata con olio o sugna. Il tutto va infornato affinchè si ottenga la giusta doratura.

Tempo: