Questo sito utilizza cookie di profilazione di altri siti per inviarti messaggi pubblicità in linea con le tue preferenze. Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito accetti l'uso dei cookie e il trattamento dei dati secondo il GDPR. 

Teatro Massimo

Teatro Massimo: fronte principaleDopo i lavori di restauro per lo svolgimento dei quali il Teatro è rimasto chiuso dal 1974, il Teatro Massimo di Palermo è stato restituito alla collettività nel 1997.
La storia di uno dei più bei teatri del mondo inizia nel 1864 quando si bandisce il concorso internazionale per il nuovo teatro lirico di Palermo.
Presiedeva la giuria Goffredo Semper che dichiarò vincitore Giovanbattista Filippo Basile. Come sede per il Teatro fu scelta un'area situata tra il centro antico della città e la nuova linea d'espansione a settentrione.
Per far posto al teatro dovettero essere eseguite numerose demolizioni tra cui due importanti monasteri, quello di San Giuliano e delle Stimmate e parte dell'antica cinta muraria della città.
…Ai lavori si dette inizio nel 1875 sotto la direzione dell'arch. G.B. F.Basile che però morì nel 1891 senza vedere completata la sua opera.
Alla direzione dei lavori subentrò il figlio Ernesto, sotto il quale il teatro venne completato. Il Teatro Massimo venne inaugurato col Falstaff di Verdi nel 1897.
Fiancheggiano l'ingresso due bronzei leoni che rappresentano la tragedia e la lirica.
Il teatro Massimo rappresenta uno dei teatri più belli del mondo, terzo in Europa per estensione, dopo l'"Operà" di Parigi e l'"Opernhaus" di Vienna, (copre un'area di ben 7730 mq.), e può contenere fino a 3400 spettatori.

Paola Campanella