Questo sito utilizza cookie di profilazione di altri siti per inviarti messaggi pubblicità in linea con le tue preferenze. Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito accetti l'uso dei cookie e il trattamento dei dati secondo il GDPR. 

Palazzo Abatellis

l'"Annunziata" di Antonello da MessinaIn via Alloro, una delle stradine più antiche e del centro storico di Palermo, si trova Palazzo Abatellis, costruzione in stile gotico-catalano opera di M. Carnalivari, sede della Galleria Regionale. La facciata è racchiusa da due eleganti torri merlate è ornata da eleganti bifore e da un magnifico portale.
Il percorso espositivo della Galleria è stato curato negli anni '50 dall'architetto Scarpa, e rappresenta ancora oggi una delle più significative opere di sistemazione museali in Italia.
La Galleria Regionale presenta una panoramica delle arti figurative in Sicilia dal XIII sec. al XVIII sec., opere di oreficeria, sculture, esempi di arte araba e bizantina ed altre importantissime opere fra le quali spiccano: l'"Annunziata" di Antonello da Messina, un piccolo dipinto che rappresenta uno dei più grandi capolavori dell'autore; il Busto di Eleonora d'Aragona del Laurana, le cui impalpabili fattezze sembrano voler rappresentare l'ideale di bellezza femminile del Rinascimento; il Trionfo della Morte, dipinto di epoca quattrocentesca dall'interpretazione controversa nel quale l'autore rappresenta con solenne potenza espressiva la Morte che sullo scheletro di un cavallo sovrasta un variegato mondo di personaggi fra i quali l'autore rappresenta forse anche se stesso e il suo aiutante. Questo dipinto di grandissima dimensione ha all'interno dell'ambiente espositivo una particolare collocazione che ne consente una corretta visione globale.

Paola Campanella