Questo sito utilizza cookie di profilazione di altri siti per inviarti messaggi pubblicità in linea con le tue preferenze. Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito accetti l'uso dei cookie e il trattamento dei dati secondo il GDPR. 

St. Maria dell'Ammiraglio - Martorana

"…Quest'edificio ci offrì una vista che mancan le parole a descriverla…"così scriveva Ibn Giubair, dopo aver visto la Chiesa di St. Maria dell'Ammiraglio, da poco edificata… La Chiesa di St. Maria dell'Ammiraglio rappresenta oggi una delle chiese più belle ed emblematiche della Sicilia per l'armonia raggiunta dall'insieme dei diversi stili che nei secoli in essa si sono stratificati.
All'interno della Chiesa in una decorazione musiva è raffigurato in atto d'adorazione ai piedi della Vergine, Giorgio d'Antiochia, Ammiraglio di re Ruggero che fondò la chiesa nel 1143. La chiesa prese il nome di St. Maria dell'Ammiraglio in onore di Maria e del suo fondatore, ma tale nome mutò nel 1435, allorquando la chiesa fu ceduta alle monache del monastero benedettino fondato dalla moglie di Goffredo Martorana; da quel momento la chiesa venne chiamata la Martorana.
L'interno è a croce latina, le splendide decorazioni musive interessano le pareti, le absidi, il presbiterio, il tamburo e la cupola e si accostano meravigliosamente agli affreschi settecenteschi realizzati dal Borremans.
Il campanile e il nartece sono databili tra il 1146 ed il 1185. Al 1588 risale la demolizione della facciata originale che venne sostituita dalla facciata barocca che oggi ammiriamo. Accanto alla Martorana si trova la Cappella di San Cataldo di schietto gusto islamico, sormontata da tre cupole rosse. Nel 1844 la cappella fu restaurata secondo il progetto dell'architetto Patricolo che restituì a San Cataldo il suo aspetto originario.

Paola Campanella