Questo sito utilizza cookie di profilazione di altri siti per inviarti messaggi pubblicità in linea con le tue preferenze. Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito accetti l'uso dei cookie e il trattamento dei dati secondo il GDPR. 

Isola di Capo PasseroIl sito fu fondato nel 1778 da un esponente dei Principi di Giardinelli ed attualmente si presenta con un impianto urbano costituito a scacchiera regolare. Molto bella la Chiesa Madre settecentesca, dedicata al Santissimo Crocifisso a una sola navata. Portopalo di Capo Passero, nota per essere stata luogo di sbarco delle truppe anglo-americane il dieci luglio 1943, in precedenza era frazione di Pachino. Porto PaloE' diventata – con i suoi 3.200 abitanti- comune indipendente nel 1975. Lo sviluppo della città ha avuto inizio nel XIX secolo. Nella spiaggia cittadina, sono stati ritrovati dei reperti appartenenti ad una necropoli risalente al III secolo A.C. ed a un impianto portuale. In contrada Manniri sono stati ritrovati altri reperti appartenenti ad una fornace ed una necropoli paleocristiana.
Di fronte la costa cittadina si trova l'isola di Capo Passero. Le costruzioni presenti nell'isola più rilevanti sono la seicentesca torre voluta da Carlo V per ragioni difensive ed il faro. Nei dintorni della città si trova il Capo delle Correnti, la zona decisamente più a sud di tutta la Sicilia. La costa a nord della città offre una tonnara, dai ruderi della Torre Fano e della Grotta Calafarina che si presume che essa sia stata abitata dal Neolitico alla media età del bronzo.

Paola Campanella