Questo sito utilizza cookie di profilazione di altri siti per inviarti messaggi pubblicità in linea con le tue preferenze. Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito accetti l'uso dei cookie e il trattamento dei dati secondo il GDPR. 

Petralia Soprana

nel Parco delle Madonie

Petralia SopranaIl nome deriva dall'antica Petra, centro fondato dai Sicani a scopo difensivo proprio nel punto più alto dell'altopiano di roccia calcarea. Petralia, con i suoi 1147 m. di altezza è il comune più alto delle Madonie, oltre che quello meglio conservato sotto il punto di vista dell'impianto urbanistico in cui è tuttora chiaramente leggibile l'impronta medievale.
Qui troviamo testimonianze della civiltà Greca, Cartaginese, Romana e Araba, ma è con la dominazione Normanna che Petra Heliae divenne un importante centro strategico nelle Madonie. Il conte Ruggero intuì infatti che Petralia poteva costituire avamposto per la conquista di Termini e Palermo e nel 1067 fece edificare il Castello. Nel 1258 Petralia passò in possesso ai Ventimiglia.
A Petralia possiamo ammirare, passeggiando fra vicoli stretti e tortuosi, chiese medievali e barocche e antichi palazzi nobiliari oltre che un panorama di unica bellezza.

fontanaChiesa barocca