Questo sito utilizza cookie di profilazione di altri siti per inviarti messaggi pubblicità in linea con le tue preferenze. Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito accetti l'uso dei cookie e il trattamento dei dati secondo il GDPR. 

Collesano

nel Parco delle Madonie

CollesanoE' oggi un frequentato centro agricolo di 5000 abitanti e si trova a quota 468 s.l.m.; la sua origine si ricollega all'antica città sulla montagna: "Paropo", che si ritenne essere stata rasa al suolo in seguito ad un violento attacco ad opera dei Cartaginesi.
Alcuni abitanti, in quell'occasione riuscirono a salvarsi e a riparare a valle dando vita ad un nuovo abitato. Nel 1305, Collesano ottenne l'insegna di Contea grazie a Francesco I Ventimiglia Conte di Geraci.
Nel centro storico di Collesano sono presenti i caratteri tipici dell'architettura spontanea rurale della zona madonita.
Il castello di epoca normanna è oggi ridotto ad un suggestivo rudere. La Chiesa Madre, St. Maria la Nuova del XV sec., contiene pregevoli affreschi e una croce lignea del '500.
In St.Maria la Vecchia si può ammirare una Madonna del Gagini del 1516, e nel convento dei frati Minori Osservanti uno splendido Crocifisso di Frà Umile da Petralia.
Collesano, inoltre, è famosa per la produzione di varie specie di mieli aromatici.