Questo sito utilizza cookie di profilazione di altri siti per inviarti messaggi pubblicità in linea con le tue preferenze. Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito accetti l'uso dei cookie e il trattamento dei dati secondo il GDPR. 

S

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Glossario - S

sagoma geometrica
in architettura, per s.g. di una costruzione si intende il solido corrispondente allo spazio occupato dall'edificio ed è formata dal profilo esterno dell'insieme infinito delle sezioni che lo delimitano.
sagoma urbanistica
di una costruzione si intende il solido delimitato dalle dimensioni aventi rilievo urbanistico.
salon
tipo di cartoncino fotografico del formato mm 217x160.
sanguigna
in arte è l'argilla ferruginosa di tono rosso più o meno scura usata per disegnare. Particolarmente pastosa fu preferita da artisti con una spiccata sensibilità coloristica.
sarcofago
manufatto sepolcrale in materiale calcareo, pietra o legno, terracotta nel quale erano poste le spoglie del defunto. Può essere ornata da bassorilievi o altorilievi.
sbalzo
tecnica della lavorazione dei metalli (anche preziosi come oro e argento, oppure del rame, stagno o ferro) ridotti in pietra sottile, su cui la figurazione viene fatta risaltare in rilievo.
scala dei grigi
strumento che indica la quantità delle sfumature dei grigi presenti in un soggetto.
schizzo
rapida traccia eseguita da chi vuole fissare un'idea, un progetto di un'opera, sia essa grafica, pittorica e/o architettonica, che poi eseguirà.
sensibilità
è la capacità della pellicola o del sensore nelle digitali, di catturare la luce. Essa si esprime in ISO.
seppia
un pigmento brunastro che viene estratto dal liquido scuro che secerne appunto la seppia. In arte viene usato, per dipinti a guazzo o per schizzi eseguiti con inchiostro a penna. In fotografia è una tonalità particolare delle immagini bianco e nero, particolarmente calda, tendente all'antico.
sequenza continua
si realizza quando l'otturatore scatta fotogrammi a raffica finche il pulsante di scatto viene mantenuto premuto.
serigrafia
procedimento di stampa consistente nello stendere l'inchiostro su di un tessuto reticolare, generalmente di seta da cui il nome, che ricopre l'oggetto che deve ricevere l'impressione, in modo però che l'inchiostro passi solo in corrispondenza dell'impronta da riprodurre.
sfumato
la tecnica dello sfumato, si avvale di un chiaro scuro estremamente morbido nei passaggi dalla luce all'ombra, tende quasi a fondere le forme con l'atmosfera che le circonda.
silhouettage
esasperazione dei rapporti tonali fra scuri e chiari ottenibile sotto-sviluppando gli scuri e sovra-sviluppando i chiari.
sinopia
terra rossa proveniente da Sinope sul mar nero, usata per tracciare il disegno degli affreschi.
sistemi
in urbanistica e pianificazione territoriale sta nel senso di lettura per sistemi, osserva il territorio nei suoi elementi strutturali e tende a leggere le relazioni interne a ciascun sistema. I criteri di pianificazione una volta individuati gli elementi costitutivi della città e del territorio dotati di specifica omogeneità funzionale, collegati da relazioni forti, tengono conto del fatto che la modificazione di un elemento del sistema induce automaticamente delle modificazioni in tutti gli altri elementi facenti parte del sistema.
solarizzazione
detta anche inversione o cambiamento tonale di un'immagine, noto come effetto sabattier. quando un'emulsione sensibilizzante sviluppata ma non fissata viene esposta alla luce e successivamente di nuovo sviluppata, l'immagine appare con una inversione dei toni. il positivo tratto da un negativo del genere ha contorni marcati da linee nere.
stampa a contatto
stampa ottenuta esponendo la carta fotografica a contatto con il negativo. l'immagine sulla stampa ha lo stesso formato di quella del negativo.
stampa al carbone
- vedi procedimento al carbone.
stampa al pigmento
variante della stampa al carbone.
stampa al platino
- vedi platinotipia.
stampa alla gelatina
- sale d'argento vedi carta alla gelatina - bromuro d'argento e carta alla gelatina- cloro-bromuro d'argento.
stampa alla gomma bicromatata
vedi procedimento alla gomma bicromatata.
stampa composita
o combination printing, cioè stampa su uno stesso foglio di due o più negativi ripresi separatamente. originalmente usata per riprese diverse per la terra e il cielo nei paesaggi, poi largamente usata per le fotografie allegoriche.
stampa fotomeccanica
a mezzatinta, l'immagine viene trasformata in una serie di puntini costituiti dagli interstizi delle linee che si incrociano sullo schermo. la grandezza dei puntini varia a seconda dei toni delle fotografie originali. il principio per ottenere la puntinatura è quello del retino che fu immaginato e brevettato da Talbot nel 1852. Nel 1864 si suggerì di riportare la puntinatura di scomposizione dell'immagine sul negativo. C. Petit e E. Ives pervenirono separatamente ad un sistema di retinatura meccanica: il primo anneriva un'immagine in rilievo ottenuta mediante un colloide bicromatato; poi vi incideva sopra delle linee sottilissime incrociate; il secondo, sopra un'immagine in rilievo, ottenuta anche questa mediante un colloide bicromatato, stampava minuscoli incavi servendosi di uno strumento di gomma.
stampa fotomeccanica al tratto
da un'immagine b/n viene eseguito un negativo rovesciato da stamparsi sotto una lastra di zinco coperta di emulsione sensibile. dopo la morsura si ottiene un cliché che può essere utilizzato in combinazione con i caratteri tipografici.
stampa fotomeccanica
vedi anaglifo, collotipo, stampa fotomeccanica a mezzatinta, stampa fotomeccanica al tratto, fotoincisione, rotocalcografia, woodburytype.
stampa
in fotografia si associa ai termini: callitipo, cianotipo, cibachrome, procedimento diazotipico, fotoincisione, fotomontaggio ma anche alla carta e, più in generale al positivo.
stampe a getto d'inchiostro
chiamate anche inkjet prints, sono ottenute con strumenti controllati dal computer che controllando la pressione del getto di inchiostro alloggiato in apposite cartucce fanno cadere gocce di inchiostro sulla carta o su altre superfici.
standard urbanistici
indici e misure che stabiliscono minimi di attrezzature pubbliche e massimi di densità edilizia da osservare nella redazione dei piani e degli strumenti urbanistici.
statuto dei luoghi
per statuto dei luoghi generalmente si intende un documento nel quale si definiscono le regole di conservazione e di trasformazione dell'intero territorio comunale. Vi sono espresse le norme, gli indirizzi e le condizioni perché il regolamento urbanistico possa procedere alla localizzazione e all'individuazione dei tipi di intervento secondo l'impostazione strategica definita da un piano strutturale.
stereografia
tecnica fotografica per ottenere il senso del rilievo, per cui immagini accoppiate ottenute con macchina fotografica a due obiettivi, permettono di ottenere l'illusione tridimensionale se viste attraverso uno stereoscopio.
strobofotografia
ripresa di immagini fotografiche in rapida sequenza di un soggetto in movimento.
strumento urbanistico
termine tecnico per indicare genericamente un provvedimento di pianificazione o un documento normativo di regolamentazione e governo di un determinato territorio.
stucco
composto di gesso e polvere di marmo che si usa ad es. in rifiniture e/o decorazioni di interni architettonici e nelle arti plastiche in generale.
superficie accessoria
è la superficie con funzioni di servizio dei piani entroterra e fuori terra, compreso il sottotetto.
superficie minima d'intervento
(smi) è l'area minima richiesta per l'intervento edilizio diretto o per il piano urbanistico attuativo.
superficie totale lorda
(sl) è la superficie totale misurata al lordo di murature, pilastri, tramezzi, sguinci, vani di porte e finestre, comprensiva della superficie utile lorda e della superficie accessoria.
superficie utile lorda
(sul) è la superficie dei piani entroterra e fuori terra misurata al lordo di murature, pilastri, tramezzi, sguinci, vani di porte e finestre ecc...
superficie utile netta
(su) è la superficie che può essere effettivamente destinata all'esercizio di una data funzione o all'assolvimento di un dato servizio.
sviluppo sostenibile
alla conferenza di Rio del 1992, è stato sottoscritto un programma di azione, denominato Agenda 21, per lo sviluppo sostenibile da perseguire alla scala internazionale, nazionale e locale. Si afferma che non esiste sostenibilità ambientale se non culturalmente accettata, socialmente condivisa ed economicamente perseguibile. Lo sviluppo s. è volto ad assicurare le potenzialità di crescita del benessere dei cittadini e a salvaguardare anche i diritti delle generazioni presenti e future a fruire delle risorse del territorio – quelle naturali e i loro equilibri ambientali sia gli insediamenti, le infrastrutture, il paesaggio e la cultura dei luoghi; L'unione europea ha avviato anche il "quinto programma di azione per uno sviluppo durevole e sostenibile", dove si tende a ribadire "la piena e fattiva integrazione della sostenibilità e della salvaguardia ambientale in tutte le attività produttive e in tutti gli strumenti di programmazione".
sviluppo
in fotografia indica la fase del processo fotografico: si effettua un bagno che permette di rendere visibile l'immagine latente riducendo ad argento metallico i granuli di alogenuro d'argento colpiti dalla luce.