Questo sito utilizza cookie di profilazione di altri siti per inviarti messaggi pubblicità in linea con le tue preferenze. Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito accetti l'uso dei cookie e il trattamento dei dati secondo il GDPR. 

M

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Glossario - M

macro
obiettivo fotografico progettato per poter mettere a fuoco anche da molto vicino, a pochissimi centimetri, e consentire la ripresa di spettacolari ingrandimenti anche dei soggetti più minuti.
macrofotografia
fotografia di oggetti non visibili ad occhio nudo, ripresi da strumenti a forte ingrandimento diretto.
maniera nera
o incisione a fumostampa prodotta lavorando la lastra metallica, in modo che questa, spalmata d'inchiostro, dia una resa perfettamente nera.
mappa dell'accessibilità urbana
elaborata per contenere il censimento delle barriere architettoniche nell'ambito urbano e la determinazione degli interventi necessari al loro superamento, per garantire un'adeguata fruibilità delle strutture di uso pubblico e degli spazi comuni della città da parte dei cittadini, compresi gli anziani ed i disabili.
margherita
in fotografia identifica un tipo di cartoncino fotografico del formato mm 105x70.
mariotipia
procedimento perfezionato nel 1873 da Marion, con il quale la stampa di un foglio di gelatina bicromatata viene effettuata a torchietto, per contatto. terminata l'operazione il foglio viene inumidito e pressato contro la superficie di un foglio al carbone non sensibilizzato. il sale di cromo non insolubilizzato viene così assorbito dalla nuova superficie pigmentata e produce su questa un'immagine sviluppabile.
mascherino
foglio sottile di metallo o plastica opaca o carta nera, ritagliato in modo da lasciare in ombra, al momento della stampa, alcune parti del negativo fotografico.
matroneo
in architettura luogo riservato alle donne. nelle chiese paleocristiane e romaniche a pianta basilicale è posto sulle navate laterali e si affaccia su quella centrale. negli edifici a pianta centrale si affaccia sul vano della cupola.
medaglione
motivo decorativo scolpito o dipinto, con figurazioni o meno. In fotografia indica invece, un tipo di carte de visite.
melanografia
positivo diretto al collodio su carta nera detta anche atrografia, inventata da giles langdell nel 1953.
mensola
elemento architettonico sporgente dalla parete, con funzione di sostegno di trave o cornice, di archetti, di tetto ecc.
mestica
composto di terre e olio di lino o vernici che viene usato per la preparazione di tavole, cartoni e tele da dipingere;essa richiede di essere lavorata a lungo con la spatola. Si chiama mestica anche la mescolanza di colori fatta dal pittore sulla tavolozza.
metallizzazione
aspetto metallico bronzato che assumono le ombre dei positivi al cloruro quando la stampa e il successivo sviluppo siano spinti oltre i limiti usuali.
mezzatinta
passaggio o gradazione di colore e di tono che si trova fra le parti chiare e quelle scure di un oggetto illuminato.
mezzotono a rilievo
tipo di fotoincisione a tratto.
micro-autocromia
tipo di autocromia.
microfiche
tipo di microform.
microfilm
tipo di microform realizzata con pellicola fotografica ad alto contrasto, di piccolo formato (35 o 16 mm) atta alla riproduzione in scala fortemente ridotta di documenti, scritti ecc.
microform
termine usato per vari tipi di microfotografia.
microfotografia
fotografia in cui il soggetto rappresentato ha dimensioni uguali o superiori al naturale.
mignonette
tipo di cartoncino fotografico del formato mm 52x33.
miniatura
si definisce la decorazione di manoscritti, tramite capilettera figurati od illustrazioni del testo, eseguiti su pergamena o carta generalmente con colori ad acquerello. Il nome deriva da "minio", colore rosso cinabro che gli amanuensi usavano per le iniziali e per contornare le pagine. Successivamente identificò anche una pittura a piccolissime dimensioni, per lo più destinata a ritratti, -testa o mezzo – busto, e soltanto eccezionalmente a figura intera.Si realizzarono anche miniature dipinte ad olio, soprattutto su lastre metalliche.
mirino zoom a immagine reale
con tale modalità il mirino si regola in base all'impostazione dello zoom, mostrando il campo effettivamente ripreso dall'obiettivo.
misurazione media-ponderata
la misurazione viene effettuata sull'intera scena, ma conferendo maggior importanza alla porzione centrale dell'inquadratura.
misurazione multi-zona
determina l'esposizione più adeguata attraverso l'elaborazione di dati di luminosità rilevati in aree separate dell'inquadratura. In genere, compensa automaticamente le situazioni di luce più complesse.
misure di salvaguardia
indicano genericamente tutte quelle misure e prescrizioni dirette a garantire la tutela del territorio nel periodo intercorrente tra l'adozione di uno strumento urbanistico e la sua definitiva approvazione.
modo flash-on
attiva forzatamente il flash, anche in piena luce diurna, per lo schiarimento delle ombre.
modo infinito/paesaggi
nella macchine af autofocus blocca la messa a fuoco su infinito per riprese attraverso vetri reti e finestrini di veicoli.
modo no-flash
cancella l'attivazione automatica del flash, per conservare l'effetto della luce ambiente (tramonti, ecc.) o per fotografare dove non sia consentito l'uso del flash.
modo panorama
realizza un'immagine estesa in larghezza, tramite una mascheratura dei lati alto e basso del fotogramma.
monocromo
un dipinto giocato sulle varie tonalità di un unico colore. vedi anche la voce grisaille.
monotipo
una singola stampa derivata da una lastra di rame sulla quale si é direttamente dipinto ad inchiostro o con colori ad olio.
mosaico
in arte tecnica figurativa consistente nel fissare delle piccole tessere o frammenti di pietra, marmo o pasta vitrea su di una superficie, seguendo un determinato disegno.