Questo sito utilizza cookie di profilazione di altri siti per inviarti messaggi pubblicità in linea con le tue preferenze. Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito accetti l'uso dei cookie e il trattamento dei dati secondo il GDPR. 

Piana degli Albanesi

Nome Abitanti: pianoti
Popolazione (2012): 6.010
CAP: 90037
Provincia: Palermo (PA)
Codice Istat: 082057
Codice Catastale: G543
Coordinate GPS (Lat Lng): 38.00, 13.28333
Altitudine (m. s.l.m.): 720
Patrono: San Giorgio, Maria SS. Odigitria, San Demetrio Megalomartire
Giorno festivo: 23 aprile, 2 settembre, 26 ottobre
Altre informazioni


Piana degli AlbanesiArbereshe... questo è il nome con il quale vengono chiamate le comunità di lingua albanese residenti in Sicilia. Giunte nell'Isola da secoli, esse sono un esempio di attenta tutela delle proprie tradizioni religiose e culturali, conservando in gran parte ancora oggi il rito greco bizantino. La Diocesi orientale cui fanno capo si chiama “Eparchia”. La più consistente comunità arbereshe in Sicilia si trova a Piana degli Albanesi, piccolo Comune presso Palermo. Chiamata in albanese Hora e arbereshevet, Piana venne fondata nel 1488 da gruppi provenienti dall'Albania che desideravano sfuggire all'invasione ottomana. A poca distanza dal centro si trova un lago, il Lago di Piana che è un bacino artificiale realizzato intorno al 1920.
A Piana la tradizione è viva. In alcune speciali occasioni le donne indossano i loro abiti tradizionali... Ciò accade ad esempio per l'Epifania o per la Domenica delle Palme. Il battesimo di Gesù è ricordato con modalità analoghe per tutti i paesi che ancora conservano la religione greco-albanese. Viene ripetuto il 5 ed il 6 Gennaio, sia nella chiesa principale della città che conserva questo culto, che nella pubblica piazza.
Abito tradizionale di Piana degli AlbanesiIn chiesa si costruisce un palco vicino l'altare maggiore dove viene per l'occasione posta una vasca ricolma d'acqua, mentre nella pubblica piazza la vasca è posta nelle vicinanze della fontana. La funzione prevede che il celebrante immerga per tre volte una croce in queste vasche. Una colomba, che, nella tradizione religiosa rappresenta lo Spirito Santo, viene allora liberata per effettuare il suo volo.
Altre interessanti manifestazioni religiose che conservano tutto il sapore delle antiche tradizioni si svolgono durante la settimana Santa precedente la Pasqua, e per Pasqua.
La benedizione di uova rosse, ad esempio, e la loro distribuzione avviene in genere alle ore 13,00 il giorno di Pasqua. La domenica delle Palme si svolge la benedizione delle Palme e un solenne pontificale in rito greco-bizantino. Ma la tradizione più significativa è quella del corteo dell'Eparca, che avvolto nel mandias, percorre sopra un asinello, il corso principale simulando l'ingresso di Gesù a Gerusalemme.
Le giovani, ma anche le bambine e i ragazzi in questo giorno indossano con disinvoltura questi preziosi abiti fatti di velluto, decorati con filo d'oro, seta e ricami.
Dai colori accesi e dai ricchi arabeschi, gli abiti vengono spesso tramandati di generazione in generazione, anche se non manca chi ancora oggi è capace di realizzarli con la stessa cura di un tempo.
Piana è anche nota per i suoi "cannoli" alla crema di ricotta, dolce tipico della Sicilia.

 
Abito tradizionalePiana degli AlbanesiDonne con i costumi tradizionali

Paola Campanella


Mappa di Piana degli Albanesi