Questo sito utilizza cookie di profilazione di altri siti per inviarti messaggi pubblicità in linea con le tue preferenze. Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito accetti l'uso dei cookie e il trattamento dei dati secondo il GDPR. 

Licata

Nome Abitanti: licatesi
Popolazione (2012): 38204
CAP: 92027
Provincia: Agrigento (AG)
Codice Istat: 084021
Codice Catastale: E573
Coordinate GPS (Lat Lng): 37.10833, 13.94694
Altitudine (m. s.l.m.): 8
Patrono: Sant'Angelo da Gerusalemme
Giorno festivo: 5 maggio
Altre informazioni


Molte ipotesi sono state fatte circale origini del nome di Licata. Alcuni studiosi propendono la per una derivazione greca (Leycada), altri per un termine d'origine araba (Al Kalata), altri ancora sono andati a scoprire l'antico culto di Lica, madre del Dafni adorato nel territorio di Licata. Il nome Licata appare in forma di Leocata in epoca , insieme ad un'altra ricorrente denominazione: Olimpiada.
Famosa per le sue splendide spiagge, vaste e sabbiose, Licata è oggi una località che offre una buona ricezione turistica.
Il centro storico possiede alcune pregevoli emergenze architettoniche come il “Palazzo di città” di Ernesto Basile, la “Chiesa del Carmine” e la “Chiesa di San Domenico”. Il liberty Palazzo di Città, è la sede del Sindaco e del Consiglio Comunale. Sorge sulla Piazza Progresso, che è la principale piazza di Licata. Il complesso è costituito dalla torre dell'orologio civico e dal Municipio. Le campane dell'orologio, poste sulla sommità della torre, risalgono al 1777 e provengono dall'orologio seicentesco del quartiere spagnolo. La Chiesa del Carmine presenta una facciata barocca. Interessante anche l'interno, molto ricco di elementi decorativi. La Chiesa del Carmine ha un annesso convento. Risalente al sec. XIII, il complesso, ha subito diverse manipolazioni e nel 1748 è stato ricostruito su progetto di Giovanni Biagio Amico. Il chiostro del convento è del sec. XVI. Poco più avanti troviamo la Chiesa di San Domenico e l'annesso convento dei padri Domenicani, che risale alla prima metà del XVII secolo.
La Chiesa presenta un'unica navata e, al suo interno, troviamo delle tele di pregevole fattura come quella rappresentante la SS. Trinità e i Santi del 1611 e quella raffigurante Sant'Antonio Abate in cattedra del 1603.
La storia di Licata è anche legata all'ormai noto sbarco alleato del '43. La settima armata americana infatti, dopo una serie di bombardamenti dalle navi e di attacchi aerei, alle 2,45 di notte diede il via allo sbarco di 20.000 uomini a Licata.

spiaggia di Licata

Paola Campanella


Mappa di Licata