Questo sito utilizza cookie di profilazione di altri siti per inviarti messaggi pubblicità in linea con le tue preferenze. Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito accetti l'uso dei cookie e il trattamento dei dati secondo il GDPR. 

Adrano

Nome Abitanti: adraniti
Popolazione (2012): 35.549
CAP: 95031
Provincia: Catania (CT)
Codice Istat: 087006
Codice Catastale: A056
Coordinate GPS (Lat Lng): 37.6625, 14.83556
Altitudine (m. s.l.m.): 560
Patrono: San Nicolò Politi - san Vincenzo martire
Giorno festivo: 3 agosto, 22 gennaio
Altre informazioni


Chiesa di AdranoAdrano, profumo di aranci e di miele, su di un altopiano lavico, che si allunga verso la splendida valle del Simeto. Sorge sulle antiche rovine di Adranon, fondata da Dionisio I nel 400 a.C. secondo quanto riporta Diodoro. Vi si allevavano i cirnechi dell'etna, una delle razze di cani più antiche. Scavi attuati recentemente dimostrerebbero la consistenza raggiunta dalla città all'epoca di Dionisio. Si trattava di un centro ben difeso con una cinta muraria con due porte e munita di bastioni. Buona parte del territorio circostante, risulta essere stato abitato già in epoca preistorica. Nella contrada Mendolito, molti sono stati i reperti ritrovati in seguito a scavi archeologici. Qui infatti si è scoperto che sorgeva una cittadina sicula, che scomparve proprio in corrispondenza della fondazione di Adranon. Potrebbe essere stato Dionisio, secondo alcune ricostruzioni storiche, ad avere spinto gli abitanti dell'abitato sorto in contrada Mendolito, a spostarsi nel sito dell'attuale Adrano. Il resto è storia: Adranon nel 346 a.C. partecipa alla contesa tra Timoleone contro Iceta, di Leontinoi, che si concluse con la nota battaglia di Adranon del 346 a.C., a favore dei Corinzi. Successivamente alla prima guerra punica, la città viene conquistata dai Romani. Purtoppo così ebbe inizio anche la sua decadenza, in conseguenza degli esiti delle guerre servili, ma anche delle spoliazioni attuate da Verre. Adrano subì nel tempo le sorti di altre città della Sicilia orientale; dal tempo della dominazione Normanna si chiamò Adernò fino al 1929 quando riprese il nome antico. Nel XIV divenne feudo degli Scafani e poi dei Moncada. Fu teatro di alcuni distruttivi combattimenti svolti tra i tedeschi e le truppe alleate, nel 1943. Il centro della cittadina è costituito dal Corso Umberto, dove si affaccia il Castello Normanno. Adrano è nota anche per i suoi Pistacchi, ed è un importante centro agricolo. Gli splendidi dintorni e la ricchezza del suo patrimonio storico, oltre ai percorsi che da Adrano possono intraprendersi per conoscere il versante nord-occidentale dell'Etna, ne fanno una località di sicuro interesse turistico. Non mancano occasioni particolarmente suggestive come quella del tre agosto di ogni anno, quando, per la festa in onore del concittadino S. Nicolò Politi, si svolge la tradizionale "Volata dell'Angelo".

Castello di AdranoUno dei Monumenti più importanti è il Castello di Adrano, altrimenti chiamato il Castello Normanno, che fu eretto nel XI sec. dal Conte Ruggero, e restaurato intorno al 1300. Si presenta come una torre massiccia a pianta quadrata, è alto quasi 34 mt. è circondato da una bassa opera bastionata, rinforzata agli angoli da piccole torri a scarpata poligonale. Attualmente il Castello ospita la Pinacoteca, la Galleria d'arte contemporanea e il Museo regionale archeologico -dove sono esposti materiali preistorici siculi e greci provenienti dalle zone archeologiche vicine, uno dei piani superiori è invece dedicato ad una Pinacoteca. Posta alla sinistra del Castello, la Chiesa Madre di origine Normanna, che è stata ampliata nella II metà del 1600 e restaurata nel 1811. Essa presenta un interno a croce latina ed una facciata recentemente rifatta. All'interno si trovano delle colonne di basalto, che dividono le navate, che si dice possano essere state tratte dall'antico Tempio di Adranon, un santuario indigeno dove pare si allevassero i cirnechi. Da non perdere una visita al teatro Bellini in stile Liberty e all'ex Monastero di St. Lucia, la cui fondazione risale ad Adelasia nel 1158, ma che nelle forme attuali è del 1596. Infine è da ricordare che, nei pressi di Adrano, si trova il ponte acquedotto di Biscari, la cui prima edificazione risale alla II metà del 1700, con 31 archi, e che fu ricostruito nel 1790.

AdranoAdrano

Paola Campanella


Mappa di Adrano