Questo sito utilizza cookie di profilazione di altri siti per inviarti messaggi pubblicità in linea con le tue preferenze. Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito accetti l'uso dei cookie e il trattamento dei dati secondo il GDPR. 

castello svevoLa fondazione della città di Augusta fu dovuta a Federico II, che, compreso il valore strategico del luogo vi edificò un castello, il Castello Svevo... La costruzione del castello e i privilegi concessi dall'imperatore, determinarono lo sviluppo del nucleo originario che venne popolato da genti provenienti da centri vicini, che erano stati distrutti da Federico, perché vi si erano opposti. Contesa tra Angioini e Aragonesi, nel sec. XIV Augusta passò al Conte Moncada di Montecateno. Il centro storico di Augusta si sviluppa su un'isola unita alla terraferma da due ponti, protesa tra il porto Megarese e quello Xifonio ad est. Sull'isoletta dove insiste la mole del castello, si trovano anche chiese ed edifici barocchi di rilievo.
Nel corso della II metà del 1500 per le continue scorrerie dei turchi, il castello venne arricchito di fortificazioni e, a presidio della costa, si costruirono i forti Garcia e Vittoria ad opera del Vicerè Garcia de Toledo. Anche il Forte Avalos, nel 1570. Il terremoto del 1693 ebbe devastanti conseguenze per la cittadina di Augusta, che ne uscì quasi completamente distrutta. Il Castello di Augusta è inserito in un contesto splendido e si affaccia su di un mare dal colore turchino. Al centro storico si accede da una Porta Spagnola del 1681, che costituiva fino a poco tempo fa, l'unico ingresso al centro.
Di recente restaurata, la porta fu voluta dal vicerè Benavides nel 1681. Da visitare anche: la chiesa delle Anime Sante in un elegante stile barocco, le due chiese della S.S. Annunziata e di S. Giuseppe, quest'ultima molto ricca all'interno, il Palazzo Municipale di disegno barocco e sulla facciata campeggia la grande meridiana a ricordo dell'eclissi totale di sole del 1870. L'ex Convento di S. Domenico, di origini antiche con chiostro di puro disegno rinascimentale, e la chiesa del Patrono, arretrata sull'omonima piazza, anch'essa antica ma rimaneggiata dopo il terremoto del 1848, con nuova facciata rivolta a levante.
Interessante segnalare il Museo delle armi. Augusta è oggi una città industriale e commerciale. Dai primi del Novecento Augusta si sviluppa fuori dai confini dell'isoletta nella quale ebbe origine... è uno dei maggiori porti militari e civili del Mediterraneo e la presenza del polo petrolchimico ha condizionato lo sviluppo del circostante territorio. Sicuramente il nome di Augusta oggi ha assunto una certa notorietà per essere la città natale dei fratelli Saro e Beppe Fiorello.

Paola Campanella