Questo sito utilizza cookie di profilazione di altri siti per inviarti messaggi pubblicità in linea con le tue preferenze. Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito accetti l'uso dei cookie e il trattamento dei dati secondo il GDPR. 

castello svevoNata con Federico II, Augusta, ha sempre avuto, per la sua posizione strategica un ruolo di guardia dell'omonimo golfo. L'ingresso della cittadella è segnato dalla porta spagnola, chiusa da due imponenti bastioni. La città vecchia è tagliata da nord a sud dal commerciale corso Principe Umberto. Della città di Agusta, si hanno notizie documentate solamente a partire dalla concessione di un decisivo ruolo difensivo e militare al porto cittadino da parte di Federico II di Svevia. Tale ruolo si è mantenuto nel corso dei secoli tanto da esser un importante porto militare sotto gli Aragonesi contro i Turchi ed il centro militare siracusano più importante durante la II guerra mondiale. La città possiede attrattive culturali e turistiche. il Castello svevo di AUGUSTA, -1232 e il 1242, oggi purtroppo in pessime condizioni fu edificato sotto la direzione di Riccardo da Lentini. Ed è a pianta quadrata con quattro torri angolari nel rispetto della tipologia federiciana; fu adibito a carcere tra il 1890 ed il 1978. Per un lungo periodo il Castello è stato utilizzato come carcere.Esso si presenta al pubblico con la sua struttura quadrata e si presume che esso doveva comprendere quattro torri quadrate ai suoi vertici ed altre due torri poligonali nei restanti lati. Oggi si può ammirare solo una di quelle poligonali.
Tra gli altri edifici difensivi cittadini ricordiamo il Forte Avalos, il Forte Garcia e quello Vittoria edificati nel corso del 1500.Altre emergenze architettoniche sono la Chiesa barocca dedicata alle Anime Sante e dalla Chiesa Madre seicentesca dedicata a Maria Ss. Annunziata.

Il vicino borgo marittimo di Brucoli ben attrezzato dal punto di vista ricettivo unisce le bellezze naturalistiche come il porto-canale formato dall'estuario del Torrente Porcaria a quelle storiche come una seicentesca fortificazione costruita per difendere il locale caricatore ed il "Castello" rappresentato da una quattrocentesca torre quadrata.

Paola Campanella