Questo sito utilizza cookie di profilazione di altri siti per inviarti messaggi pubblicità in linea con le tue preferenze. Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito accetti l'uso dei cookie e il trattamento dei dati secondo il GDPR. 

Sarde a beccafico

Sono generalmente presenti presso tutte le friggitorie palermitane e rappresentano uno dei piatti maggiormente tipici della cucina siciliana. Non è da considerarsi necessariamente come un antipasto, ma al pari delle panelle, dei cazzilli, delle arancine può costituire un piatto singolo. Naturalmente presso le trattorie siciliane le sarde a beccafico vengono proposte come un gradevole antipasto.
Gli ingredienti: per 4 persone, sono: gr. 800 di sarde fresche - 50 gr. pecorino - aglio - prezzemolo - 2 uova - aceto di vino - pangrattato – succo di limone o in alcune varianti anche succo d'arancia- olio d'oliva - sale e pepe.
Il procedimento: prendere le sarde diliscarle e lavarle. Una volta asciugate, posarle in una terrina insieme e lasciarle marinare per 2 ore con l'aceto. Sgocciolarle ed aprirle in un piatto per inserirvi un composto ottenuto con il formaggio mescolato con poco pangrattato, 2 spicchi d'aglio e prezzemolo tritati, poco succo di limone o arancia, sale e pepe. Chiuderle bene, magari premendole tra le mani e passarle nell'uovo battuto e nel pangrattato. Friggerle in abbondante olio caldo, facendole dorare da ambo le parti. Scolarle ben dorate e servirle con spicchi di limone o d'arancia già fredde.

Tempo:

Sarde a beccafico