FotoArteArchitettura

Tour Eiffel

Tour EiffelNel 1800 Parigi si arricchisce di architetture che segnano la sua immagine più che nelle altre epoche. All'Ottocento appartengono infatti l'Arco di Trionfo dell'Étoile, l'Arc du Carrousel, la colonna Vendôme, la chiesa della Madeleine, l'Hôtel de Ville, l'Opéra, il Petit Palais e la Tour Eiffel, innalzata nel 1889 per l'Esposizione Universale e divenuta il simbolo della città. C'è da chiedersi come mai una città come Parigi, ricca di monumenti, opera d'arte e architetture prestigiose abbia come simbolo diffuso nel mondo, una torre di ferro, che somiglia da lontano ad un gigantesco traliccio della luce.. Forse la chiave sta proprio nel fatto che sia sorta nel secolo dei lumi. A questo punto più che simbolo essa stessa diventa simbolo l'epoca che essa rappresenta. Un'epoca ricca di fascino e vitalità, di scoperte e conquiste. Ma soprattutto l'epoca che pone l'uomo di fronte a se stesso e alle sue capacità.
La Tour incarna lo spirito di questo secolo e ne diviene il simbolo. La tour di Gustave Eiffel - di ben 7000 tonnellate- fu inaugurata dal Principe di Galle divenuto poi Edoardo VII d'Inghilterra. All'inizio la Torre non trovò il consenso di tutti, tra gli oppositori spiccano i nomi di Guy de Maupassant, di Emile Zola e di Charles Garnier. Nel 1909 fu salvata dall'essere abbattuta. All'inizio del 1910 fece parte del servizio dell'ora internazionale.
Tour Eiffel (base)Con la sua altezza di ben 320,75 metri, nel 1930 rappresentava l'edificio più alto del mondo. Quando la sera si veste di luci è veramente uno spettacolo unico! In realtà doveva mantenere l'illuminazione solo per festeggiare l'arrivo dell'anno 2000 ma malgrado l'alto consumo, la Società che gestisce la torre metallica ha dovuto a grande richiesta rimetterle in funzione. Cosí per 10 minuti in tutte le ore si illumina grazie a 352 proiettori di 1000 watts, e la sera è illuminata in permanenza dalle 20.000 lampadine e 800 luci.
Oggi un sistema permette di ridurre i consumi. La torre, che conta oggi 1652 scalini per arrivare in cima, ha tre livelli. Dall'ultimo piano si gode un panorama mozzafiato. Al 2° piano si trova un noto ristorante, il Giulio Verne. Al 3° prendono posto un bar, un negozio di souvenir e l'ufficio di Gustave Eiffel restaurato.